Nella zona
BRIANZA
  monti e laghi briantei
LAGO E RIVIERA
  Valle San Martino
VALSASSINA E VALVARRONE

 

Monti e laghi briantei


OLGINATE - Chiesa di Santa Maria La Vite


OLGINATE, Capiate - Chiesa di San Nazaro

 

OLGINATE - Chiesa di Santa Maria La Vite

Sull’origine della cappella di S. Maria de Vico, documentata nel XIII secolo, sorsero molte leggende. La chiesa fu eretta presumibilmente in un recinto fortificato, con il duplice scopo di rifugio per la popolazione e luogo di preghiera. La sacrestia fu ricavata utilizzando la base della torre del recinto fortificato.

Nel XV secolo si cominciò ad aggiungere all'antico titolo "de Vico" quello "de Vignola", che divenne in seguito "alla Vite", segno che oramai nel linguaggio comune la chiesa era associata agli annessi vigneti. In questo periodo iniziarono i restauri della chiesa, in origine composta da una piccola navata con un unico altare.
L’ampliamento successivo portò alla quasi completa demolizione della primitiva struttura. Si può supporre che questi lavori, terminati nel XV secolo, fossero in funzione del suo inglobamento nel complesso monastico, di cui resta il chiostro.
Nel XV secolo,infatti, si insediarono i frati di Sant’Ambrogio, ai quali subentrarono i Carmelitani, nel XVII secolo. Soppresso l’ordine nel XVIII secolo, la struttura divenne abitazione privata.
Già alla fine del XVI secolo la chiesa conteneva l'altare maggiore, dedicato alla Vergine, e quattro altari secondari.

Recentemente sono stati riscoperti, all'interno, interessanti affreschi della fine del XV secolo. Da segnalare la “Crocifissione” nell’abside e l'affresco dell’“Ultima Cena”, purtroppo in stato frammentario; sulle pareti esterne compaiono affreschi risalenti al XVII secolo.

Il convento è aperto al pubblico il giorno di Sant'Antonio in onore dell'altare, presente nella chiesa, dedicato al Santo.

 


OLGINATE, Capiate - Chiesa di San Nazaro

Ricordata già in un atto del IX secolo, la chiesa di San Nazaro subì nel corso dei secoli un processo di decadimento fino a divenire un’abitazione rurale.
Di romanico resta l’abside, in corrispondenza dell’attuale oratorio di San Giuseppe.


 
Romanicomo
| crediti | privacy | diritti | contatti |
infoarte
Realizzato con il contributo della Provincia di Lecco