Nella zona
BRIANZA
  monti e laghi briantei
LAGO E RIVIERA
  Valle San Martino
VALSASSINA E VALVARRONE

 

Valsassina e Valvarrone


CASARGO, Monte Muggio - Chiesa di Sant'Ulderico


CASARGO, Somadino - Chiesa di Santa Margherita



CASARGO, Indovero - Chiesa di San Martino

 

CASARGO, Monte Muggio - Chiesa di Sant'Ulderico

La chiesa di Sant’Ulderico, raggiungibile esclusivamente a piedi, sorge sulle pendici del Monte Muggio, in una posizione che suggerisce la funzione originariamente militare di questo edificio.

La struttura attuale, che arreca tuttora in sé tracce della planimetria originaria risalente al secolo XI, è frutto dell’opera di ricostruzione, compiuta nel corso del XVI secolo, che ha comportato la rotazione della navata. Di conseguenza, dell’originaria chiesa romanica non rimangono che l’abside, oggi ridotta in parte a presbiterio e in parte a sacrestia e, sul lato opposto, il portale dell’antica facciata, oggi murato.
Tra il XVI e il XVII secolo vennero realizzati un atrio di ricovero e l’attuale navata, quest’ultima caratterizzata da copertura lignea.

Nel XVI secolo la chiesa fu un luogo di ritrovo molto frequentato in occasione della festa dell’Ascensione, durante la quale si tenevano danze e riti di origine pagana.

Il tempietto, dedicato a Sant’Ulderico, è legato al culto dei Santi Eremiti lariani.

 

 

CASARGO, Somadino - Chiesa di Santa Margherita


La piccola chiesa di Santa Margherita, risalente al secolo XI, sorge isolata sopra uno sperone di roccia, detto Sasso della Guardia, nella via di raccordo tra Valsassina e Valvarrone. La creazione della chiesa in questa località, strategicamente significativa nei secoli passati, ne te stimonia l’origine militare.

La pianta dell’edificio presenta un’unica navata di dimensioni ridotte che è anticipata da un portico di epoca successiva. L’aula, benché sostanzialmente originaria, ha subito diversi interventi di modifica nel corso dei secoli; quello più significativo, risalente al XVII secolo, ne ha determinato l’attuale divisione in due campate tramite lesene e la copertura a volte a vela.

Le testimonianze romaniche più interessanti sono racchiuse nella graziosa abside semicircolare, al di sopra della quale s’innalza una suggestiva copertura conica in pietra locale. A livello architettonico l’abside, costituita da muratura a conci irregolari, presenta una decorazione ad archetti pensili ed è inoltre arricchita da tre monofore ornate con motivi fitomorfi.


Il ciclo di affreschi, che ricopre tutto il catino absidale, risale ai primi decenni del XII secolo ed è l’unica testimonianza di pittura romanica conservata in Valsassina. Negli affreschi, pur frammentari, è possibile riconoscere un Cristo Pantocratore in mandorla, una Vergine Odigitria e alcuni Santi (Margherita, Brigida, Bartolomeo e Tobia).


La loro rappresentazione si accosta, nella severità formale e nella piega rigida delle vesti, all’iconografia bizantina. Sulla parete settentrionale si trovaun affresco del 1510 che raffigura la Vergine tra i Santi Rocco e Margherita.

Il tempietto, dedicato a Santa Margherita, è legato al culto dei Santi Eremiti lariani.

 

 

CASARGO, Indovero - Chiesa di San Martino

Il complesso della chiesa di San Martino, che spicca solitario in uno splendido contesto naturale, è attestato già nel XIII secolo.

Dell’antico impianto medievale non resta che l’alto campanile romanico a cuspide del secolo XI, anticamente provvisto di un piano di monofore e di due piani di bifore a doppia ghiera, oggi intonacate. La chiesa, infatti, venne ricostruita nel XVI secolo e rinnovata successivamente tra il XVII e il XVIII secolo.

Nel corso del XIX secolo, in seguito ai lavori di prolungamento delle campate verso l’ingresso, venne realizzata la facciata neoclassica decorata da Giovan Maria Tagliaferri con episodi della vita del patrono.

Internamente la chiesa presenta superfici fittamente decorate con stucchi, cornici, dorature e finti marmi di gusto barocco.




Le fotografie della chiesa di Santa Margherita sono di Marco Capovilla e di Gianni Peverelli
La fotografia della chiesa di Sant'Ulderico è di Tino Tantardini ed è tratta da AA.VV., Tra il lago e il monte. Terre e genti delle rive e delle valli del Lario, A.Bellavite, Missaglia, Lecco


 
Romanicomo
| crediti | privacy | diritti | contatti |
infoarte
Realizzato con il contributo della Provincia di Lecco